• Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano
  • Atletico Arzignano

MENU AMMINISTRAZIONE

ULTIMO TURNO SERIE B

Sab, 08 Apr 2017
Serie B - Stagione 2016/2017
Futsal Cornedo
Futsal Cornedo
7:6 Canottieri Belluno
Canottieri Belluno

PROSSIMO TURNO SERIE B

--

CLASSIFICA SERIE B

Serie B - Stagione 2016/2017
  P
Carrè Chiuppano61
Futsal Villorba59
Faventia50
Miti Vicinalis49
Fenice48
Mestre47
Vicenza35
Belluno34
Futsal Cornedo33
10 Forlì28
11 Trento23
12 Bassa Manzano22
13 Imolese16
14 Mezzolombardo12


Futsal Cornedo, la salvezza secondo Diego Albertini: “Vale più di tanti campionati vinti in passato” PDF
Scritto da Luca Consolaro   
Martedì 04 Aprile 2017 14:22

Il maniacale lavoro del tecnico blu-amaranto è stato determinante nella conquista di un risultato storico e che ripaga la società di tanti sacrifici e regala al meraviglioso pubblico una soddisfazione indimenticabile.

Cornedo Vicentino (VI) – Siamo arrivati all’atto conclusivo della stagione per il Futsal Cornedo. Un’annata che rimarrà nella storia trentennale di questo club: salvarsi con due giornate d’anticipo in Serie B con una squadra di baby “made in Cornedo” vale tantissimo, ha un gusto tutto particolare, e a raccontarci l’emozione per questo traguardo è uno dei principali artefici, il tecnico Diego Albertini, il vero valore aggiunto di questa stagione, che ha contribuito in maniera determinante alla crescita di tutto il club.

 

Diego Albertini, sabato avete giocato sul campo del Carrè Chiuppano, perdendo per 4-1. Che partita è stata? Che valutazioni possiamo trarre da questa prestazione?
“Credo sia stata una bella partita e inoltre aggiungerei una partita "vera". Due società che hanno lavorato molto bene e come noi, spero che anche loro raggiungano il loro obiettivo stagionale. Senza dubbio la differenza di qualità è venuta fuori, ma per lunghi tratti siamo stati una spina nel fianco e questo ci inorgoglisce. Ci sono differenze economiche abissali tra Carrè e Cornedo, ma come all'andata abbiamo dimostrato che il lavoro settimanale è fondamentale e alle volte i pronostici possono essere ribaltati”.

Credi che alla fine la differenza l’abbiano fatte le motivazioni diverse delle due squadre?
“Senza dubbio le motivazioni e le preoccupazioni erano tutte da parte del Carrè, ma noi ci tenevamo a fare bella figura e credo che i ragazzi ci siano riusciti in pieno. Dopo aver rischiato a porta vuota il pareggio ci siamo sbilanciati subendo due reti, ma sono soddisfatto perché a differenza loro abbiamo utilizzato l'intera rosa facendo esordire un 1999 come Zamperetti e giocando per lunghi tratti con quattro Under 21 in campo”.

Sta per andare in archivio la tua prima stagione da tecnico del Cornedo. Che bilancio ti senti di tracciare?
“Avevo bisogno di una scommessa per stimolarmi al meglio e Cornedo mi ha dato questa possibilità. É stata una stagione difficile, ma il risultato finale ripaga me e tutto il mio staff (Caile, Trafico e Pizzolato) che ringrazio. Ho visto i ragazzi crescere e applicarsi con il massimo dell'impegno, la società è stata presente e competente quindi il mio bilancio è più che positivo”.

Quale credi sia stato il momento più bello e quello più difficile di questa stagione?
“Due sono stati quelli belli. Il primo in assoluto è stato sapere che a giugno diventerò papà e per questo ringrazio mia moglie Vittoria. Poi credo il successo di Faenza dove con la squadra non al completo abbiamo ottenuto tre punti fondamentali. Quello più difficile il mese di gennaio dove abbiamo racimolato 0 punti in 4 gare ma a tranquillizzarmi ci ha pensato Roberto Grigolato dicendomi che storicamente per Cornedo è sempre stato un brutto mese”

Quanto grande è il valore di una salvezza in Serie B conquistata con una squadra quasi tutta fatta in casa?
“Non mi sembra ancora vero, ma questa salvezza vale molto di più di alcuni campionati vinti in passato. Ragazzi di 18/20 anni alla loro prima esperienza nel campionato nazionale, un budget inferiore a tutte le società e un Paladegasperi nuovamente strapieno sono il mix perfetto di questa splendida annata e ringrazio tutti di cuore”.

Non è però ancora finita, settimana prossima si chiude in casa col Belluno, anch’esso già salvo. Che partita dobbiamo aspettarci?
“Sabato sarà una partita dove cercheremo di mettere in evidenza altri giovani del vivaio e sperando possa essere un modo per ringraziare il nostro pubblico che senza dubbio si merita una parte di questa salvezza”.

Luca Consolaro
Ufficio Comunicazione Futsal Cornedo
www.futsalcornedo.it
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

SEGUICI SU FACEBOOK